Prima o poi capita a tutti di averne a che fare.
Al cliente sprovveduto ma anche alla società web che sviluppa siti e pensa di aver avuto il copo di genio.

Parlo dei siti web venduti “a pacchetto” che, come ogni prodotto inutile che si rispetti, ogni tanto torna sul mercato, più vivo che mai, mascherato con diverse e nuove caratteristiche. Se qualche anno fa veniva proposto come “tutti sono su internet, anche tu devi esserci” ora lo si può trovare aggiornato e “visibile sullo smartphone” oppure legato a fantomatiche “prime posizioni” per promuoverlo. In fin dei conti il prodotto è sempre lo stesso, realizzato in varie salse (più o meno dinamiche) ma sempre dallo stesso obiettivo: costare meno a chi lo produce e fumo negli occhi a chi lo acquista.

Discorso a parte merita la questione prezzo che questi siti hanno sul mercato. Si possono trovare diverse varianti, per esempio il “tutto incluso” (ma qualcuno ancora devi dirmi cosa significa quel “tutto”) oppure “a canone annuo” (con ovviamente una scadenza a diversi anni) oppure chi azzarda un “completamente gratuito” (dove però vengono omessi costi di hosting annuo e gestione). Comportamento ancora più pericoloso è quello di sbandierare prezzi e soluzioni di un certo tipo solo per accalappiare il cliente per poi mostrare realmente i costi finali, diversi e di gran lunga superiori.

Quello che si nasconde dietro a questo genere di prodotto è la completa mancanza di strategia che deve necessariamente esserci, oggi più di ieri, dietro ad un progetto web. Il cliente di un progetto simile viene trattato come quello precedente e come quello successivo… l’unica differenza sta spesso nella sola scelta dei colori, magari basati sul logo aziendale.

Un progetto web non è un certamente un pacchetto, non è un logo, non è un costo venduto a canone. Un progetto web deve essere visto invece come una strategia che, dallo studio iniziale, passa dal sito internet costruto sulle necessità del cliente ed, attraverso la promozione online, arriva a colpire gli obiettivi che si sono prefissati. E’ un percorso, un modello strategico, un servizio.

Fortunatamente oggi il web va in una direzione diversa, così come le necessità del cliente e questi siti a pacchetto sono sempre destinati a fallire (seppur qualcuno ancora ci casca).

I siti web a pacchetto fanno male al web, al cliente e alla reputazione di chi, ogni giorno, lavora per un web migliore.

There are currently no comments.